Quali strade ci sono per attraversare le montagne del Caucaso?

intourist_georgian-military-highwayMi è stato chiesto più volte come attraversare in auto o in moto le montagne del Caucaso in quanto le informazioni disponibili sono molto scarse e confuse.  Con questo blog cercherò di spiegare dove si può attraversare ma bisogna sempre tener conto che le situazioni cambiano di continuo, recentemente infatti la Georgian Military Road, unica strada che collega la Russia alla Georgia era stata chiusa per alcuni giorni, poi riaperta ed oggi chiusa ancora a causa del tempo.

Esistono diverse vie per attraversare il Caucaso ma in realtà ce ne è solamente una percorribile senza alcun problema dagli stranieri. Partendo da Ovest verso Est cominciamo a descriverle.

Sochi (Russia)  / Sukhumi (Abkhazia)
Gantiadi-Adler  Border Crossing

Da questo punto di confine (Gantiadi-Adler) si può andare dalla Russia fino all’Abkhazia ma, poiché essendo questo un paese non riconosciuto ed è una regione separatista della Georgia, non sarà possibile dall’Abkhazia entrare in Georgia altrimenti si rischia di venire arrestati per ingresso illegale nel paese. Quindi può essere utilizzata solo per visitare l’Abkhazia, inoltre è necessario un visto per la Russia a doppia entrata altrimenti non è poi possibile rientrare in Russia e si rimane bloccati in Abkhazia. Da tenere presente anche che se succedesse qualcosa in Abkhazia, nè l’ambasciata Italiana di Mosca nè quella di Tbilisi (Georgia) possono venirvi ad aiutare. Per entrare in Abkhazia ci vuole il visto.

sochi-border

Vladikavkaz, North Ossetia – Alania (Russia)  / Tskhinvali (South Ossetia)
Roki-Nizhny Zaramag Border Crossing.

Anche qui vale lo stesso discorso che ho fatto per l’Abkhazia in quanto l’Ossezia del sud (South Ossetia) non è riconosciuta come paese ed è una regione separatista della Georgia quindi da Vladikavkaz si può soltanto entrare per visitare il paese ma non si può andare in Georgia altrimenti si rischia anche qui l’arresto per immigrazione illegale.

Il passaggio di confine tra i due paesi si trova al Roki tunnel che è tra l’altro anche l’unica via di comunicazione tra Russia e Ossezia del sud. Questo tunnel ha un grande significato per gli abitanti dei due paesi in quanto è un simbolo di unità delle due Ossezie (Nord e Sud)

Il tunnel era stato completato nel 1984 dai Sovietici ma durante la guerra con la Georgia del 2008 era stato molto danneggiato e solo nel novembre del 2014 è stato riaperto. In alternativa veniva utilizzato un tunnel di servizio che, se non mi sbaglio, la circolazione poteva avvenire solo a senso unico alternato.

Il tunnel ha una lunghezza di 3730 metri e si trova ad un‘altitudine di 2000 metri

south_ossetia_overview_map

Vladikavkaz, North Ossetia – Alania (Russia)  / Tbilisi(Georgia)
Kazbegi-Verkhni Lars Border Crossing. Georgian Military Road

Georgian Military Road o Georgian Military Highway è l’unica via di passaggio che collega il nord e sud della catena del Caucaso. Quando dico unica intendo che può essere attraversato anche dagli stranieri mentre, come vedremo in seguito il passaggio dal Dagestan all’Azerbaijan sembra possibile solo per i Russi o abitanti di un paese ex-Unione Sovietica.

La costruzione di questa strada che collega Vladikavkaz con Tbilisi in Georgia (due ore di viaggio circa, più il tempo in dogana), è iniziata nel 1799 dai militari russi ma solo dopo che il “Kingdom of Georgia” era entrato a far parte dell’Impero Russo nel 1801, lo Zar Alessandro primo ordinò al Generale Aleksey Petrovich Yermolov (al momento era al comando delle forze russe nel Caucaso), di migliorarne le condizioni di percorribilità in modo da permettere un miglior movimento delle truppe e delle comunicazioni con Tbilisi. Fu terminata nel 1817.

Questo passaggio fu chiuso nel 2006 e poi riaperto nel 2010, quindi in quel periodo era impossibile viaggiare via terra dalla Russia alla Georgia. Questo passaggio non è importante solo per la Georgia ma anche per altri paesi come l’Armenia, la Turchia e l’Iran che importano/esportano merci via terra con la Federazione Russa.
La lughezza di questa strada è di circa 200 Km e si snoda attraverso paesaggi meravigliosi, l’unico problema che durante i mesi invernali può venire chiusa bloccando le comunicazioni via terra tra i due paesi. Era stata chiusa a causa del maltempo per esempio dal 9 al 15 febbraio 2015 ed è stata chiusa nuovamente oggi (18 Febbraio 2015) sempre a causa del maltempo.

central_caucasus

Derbent, Dagestan (Russia) – Baku (Arzebajian)
Samur border point  (Strada E50/E115)

Mi sono interessato di recente a questo passaggio di confine ma le informazioni sono ancora confuse e frammentarie.  Se si contatta l’ambasciata dell’Arzebijan dicono che non si può attraversare, o meglio che solo i cittadini Russi o Ex-Unione Sovietica possono passare ma leggendo qualche post ed una guida, sembra che ora sia possibile.  Quindi la cosa migliore è armarsi di pazienza, arrivare al confine e cercare di attraversare, se proprio non fosse possibile bisognerà allora tornare indietro e fare il giro più lungo e passare attraverso la Georgian Military Road.

derbent-border

Conclusione

Se avete qualche domanda o qualche esperienza interessante da raccontare, contattatemi via facebook o DrivingToRussia@gmail.com E se proprio non riuscite ad attraversare via terra, rimane sempre l’opzione traghetto da Sochi fino alla Turchia.

Davide Scalzo

Laurea in Economia e Commecio, Blogger e Traveller. I suoi interessi principali sono la storia, la geografia e la geopolitica. Segue con attenzione tutto quello che sta accadendo in Europa dopo lo scioglimento dell'Urss. Ha una grande passione per il Caucaso, "un'affascinante terra le cui origini si perdono nella leggenda... come le cime delle sue montagne svaniscono nelle nubi"